FAQ – Frequently asked questions

Mi sanguinano le gengive
Non è normale, il sanguinamento gengivale è un segno evidente di un quadro patologico……….

È possibile migliorare il colore dei miei denti?
Il colore dei denti può modificarsi per vari fattori, pigmenti alimentari, età, fumo, farmaci…………..

È possibile prevenire la carie?
SI.
Agire sulla riduzione del rischio carie oggi è possibile ed apprezzabile da un punto di vista clinico

Qual è la differenza fra gengivite e la parodontite?
In Medicina tutto quello che finisce in “ite” significa infiammazione; nel primo caso gengivite parleremo di infiammazione gengivale cioè infiammazione di quei tessuti che circondano i denti a formare i colletti dentali. La Gengivite rappresenta nella maggior parte delle volte una situazione reversibile cioè tolta la causa che la produce (batterica, farmacologica, trauma e altre) vi è un ritorno alla normalità (condizione fisiologica). Nel secondo caso, Parodontite parleremo di una infiammazione di più strutture non solo quella gengivale ma anche di ciò che è posto sotto la gengiva, quindi, legamenti, osso. E’ una condizione in cui vi è sicuramente perdita di una funzione fisiologica, quella che viene definita perdita di attacco. Per cui, anche dopo aver rimosso la causa che la produce non si ritornerà ad una condizione di “normalità” ma se pur la malattia è stabilizzata/curata, i segni clinici di una parodontite saranno sempre evidenti come ad esempio le recessioni gengivali, la perdita di supporto osseo, la mobilità dentale.

Si può curare la parodontite?
Si, la parodontite si può curare, fondamentale come in ogni problema di salute l’individuazione precoce è già una parte della cura . La parodontite si cura con approccio multidisciplinare (più professionisti con competenze diverse). Essendo essa una malattia che può originare e progredire da diversi fattori è bene che ogni professionista che approcci a questo problema prenda in considerazione tutti gli aspetti che possano scatenare l’evento malattia. Una cosa su cui la letteratura scientifica è sicuramente concorde in riferimento al problema parodontite è il controllo di placca batterica (tossine batteriche), essa risulta essere una causa rilevante nell’innesco di tali processi patologici. Questa patologia prevede una serie di passaggi terapeutici ben definiti e obbligatori, una prima fase di identificazione del problema e delle sue possibili cause, una seconda fase definita rimozione causale o iniziale del fattore scatenante, una terza fase di rivalutazione dei segni clinici della malattia. Molto spesso la sola fase iniziale/causale può portare ad una stabilizzazione/cura del problema. Chi sa darvi delle risposte in merito all’argomento sono tutti quegli operatori sanitari che si occupano di salute orale ( Igienisti Dentali, Odontoiatri, Parodontologi, chirurghi Orali, Ortodonzisti) ma sempre in una visione multidisciplinare in cui vede coinvolti professionisti con competenze diverse.

A cosa serve il colluttorio?
Dipende dal principio farmacologicamente attivo. Essi possono eliminare chimicamente molti ceppi batterici patogeni, oppure, ridurre i segni clinici dell’infiammazioni quali rossore, gonfiore, sanguinamento, inoltre quelli contenente fluoro possono essere usati per la prevenzione delle carie grazie alle azioni combinate di re-mineralizzazione e impedimento adesione batterica “batteriostatici”. Senza ombra di dubbio un uso corretto dei colluttori può rientrare nelle abitudini di igiene orale quotidiana e stistematica. Molti professionisti potranno consigliarvi a riguardo fra cui l’igienista dentale, Odontoiatra e farmacista.

Come prevenire le patologie dentali/orali?
Una domanda di non facile risposta se il nostro lettore/interlocutore non sia predisposto di fondo ad accettare una palese verità. Per comprendere al meglio come prevenire le patologie orali/dentali bisognerebbe avviare una discussione lunga e articolata. Ci limiteremo invece a consigliare delle semplici riflessioni di carattere educativo/informativo. Sottoporsi a sedute di educazione sanitaria dentale presso professionisti quali Igienisti Dentali o Odontoiatri e sicuramente un primo passo, richiedere una seduta dedicata all’educazione dentale/orale, abbiamo detto seduta di educazione non richiedere una visita specialistica dal dentista, la visita specialistica dal dentista rappresenta l’espressione massima di un professionista. Senza alcun dubbio una sistematica profilassi composta da collaborazione domiciliare e sedute professionali dall’Igienista Dentale o Odontoiatra aiutano e prevengono molti fastidiosi problemi. Le sedute d’Igiene Dentale devono essere fatte da professionisti abilitati che grazie alla loro preparazione mirata saranno in grado di eliminare accuratamente tutti quei fattori di rischio che porterebbero a problematiche di tipo dentale e gengivale. Una corretta rimozione del tartaro e batteri annessi sia sopra gengivale che sotto gengivale è la metodica scientificamente riconosciuta nella prevenzione delle affezioni dentali/orali.